Author Archives: Redazione

La Magia dei Mulini a Vento in Olanda

Albert Dros (albertdros.com) è un fotografo olandese, ed un anno fa ha avuto la fortuna di trovare condizioni particolarmente favorevoli per una serie di scatti da favola.

Albert si trovava nel villaggio di Zaanse Schans, famoso per i mulini a vento, e una mattina verso le 5 una particolare nebbiolina ha coperto il villaggio.

Questo è il risultato:

Come Realizzare un Curriculum Perfetto

Il curriculum è sicuramente il biglietto da visita con il quale un candidato si presenta direttamente al suo potenziale datore di lavoro o ad una società di ricerca e selezione del personale.
Poiché è il primo elemento che parla di noi, è importante che sia curato in ogni dettaglio se vogliamo essere sicuri di avere buone chance di trovare un lavoro.

Scopriamo allora come realizzare un curriculum perfetto e quali elementi non possono essere dimenticati.

REALIZZARE UN EFFICACE CV CLASSICO
Il curriculum vitae deve rispettare determinate caratteristiche per essere davvero considerato efficace.
Deve innanzitutto riportare tutti i principali contatti del candidato, così da poter essere facilmente rintracciato per fissare un appuntamento per un colloquio conoscitivo.

Deve poi riportare come primo elemento tutte le esperienze di lavoro professionale avute dal candidato, partendo sempre da quella più recente. Per ogni esperienza va inserito non solo il nome dell’azienda ma anche la durata dell’esperienza e la mansione specifica.

Subito dopo vanno inserite le esperienze di formazione e quelle scolastiche, pure in questo caso partendo dalla più recente. Inutile inserire tutti i corsi di formazione e i workshop di un giorno seguiti: è preferibile eliminare le esperienze di formazione meno significative oppure raggrupparle così da rendere la lettura del curriculum vitae più fluida.

È bene ricordare che un curriculum vitae non può mai essere più lungo di un paio di pagine, per evitare di annoiare chi legge. Il curriculum vitae standard utilizzato nella ricerca di lavoro è quello in formato europeo. Si tratta di una stesura molto sintetica che riesce a mettere in luce i principali elementi di interesse.

Possono essere ammessi modelli più creativi nel caso di professioni particolari come ad esempio i grafici, i pubblicitari, etc. In questo caso si potrà allegare anche un piccolo book dei lavori svolti, ossia una raccolta delle tavole e dei progetti più significativi realizzati dal candidato.

LA LETTERA DI PRESENTAZIONE: ACCOMPAGNAMENTO INDISPENSABILE PER IL CV
Una cosa che non deve mai mancare quando si invia un curriculum vitae in risposta ad un annuncio di lavoro è la lettera di presentazione.
Si tratta di un testo di accompagnamento che ha lo scopo di attirare l’attenzione di chi la legge a pone l’accento su alcuni aspetti che non sono stati messi sufficientemente in luce all’interno del curriculum vitae sintetico.

La lettera di presentazione deve sempre essere personalizzata in base all’azienda che la riceve. Il testo dell’annuncio al quale rispondiamo sarà la nostra traccia per la composizione della lettera. Bisogna avere l’accortezza di inserire nelle prime righe tutti gli elementi personali che corrispondono alle caratteristiche ricercate dall’azienda per quella specifica posizione lavorativa.

In questo modo si ha la certezza di colpire l’interesse di chi legge e spingerlo ad aprire il curriculum vitae per saperne di più. Una lettera di presentazione non deve essere mai più lunga di una pagina: più breve potrebbe non contenere tutti gli elementi che servono, troppo lunga rischia di stancare il lettore e di spingerlo a cestinarla.

È consigliabile intestare la lettera di presentazione sempre ad un referente ben preciso piuttosto che al generico Spett.le Azienda.

LE NUOVE FRONTIERE DEL CV
L’utilizzo degli smartphone e l’avvento prepotente del web nelle nostre vite quotidiane ha inevitabilmente rivoluzionato pure il modo nel quale si cerca lavoro.
Il curriculum vitae è stato forse uno dei primi elementi a farne le spese.

Oggi, infatti, il curriculum vitae classico spesso viene soppiantato da altre forme di curriculum vitae più innovative. Un modello che sta avendo molto successo è quello del video curriculum vitae.

Si tratta di un breve video, che non deve avere una durata maggiore di 30/45 secondi, nel quale il candidato racconta le sue esperienze professionali. Questo tipo di approccio risulta essere molto interessante per le aziende che, così, possono verificare pure altre competenze e capacità del candidato come la dialettica, la creatività e l’empatia.

Negli ambienti più creativi è apprezzato anche il curriculum vitae sotto forma di info-grafica. Si tratta di una sorta di raccolta di immagini che raccontano diversi aspetti del candidato attraverso foto, collage, disegni: un linguaggio sempre più apprezzato, soprattutto dalle aziende 2.0 e da tutte quelle che lavorano nell’ambito dell’ICT.

Introduzione alla Sicurezza Informatica

Ancora oggi non si hanno notizie certe in merito al periodo nel quale sono apparsi, in ambito informatico, i primi virus. Quel che è sicuro è che, già negli anni ’60, erano state sviluppate diverse tecniche volte alla creazione dei famosi “trojan horse”.
In particolare, in quel periodo, alcuni sistemi di calcolo appartamenti a famosi Istituti di Credito furono oggetto di attacchi.
Da allora, si sono moltiplicate le risorse destinate a garantire la sicurezza informatica.

attacchi-informatici

 

Questo non ha vietato ai virus di espandersi in modo preoccupante, soprattutto a partire dalla seconda metà degli anni ’80, raggiungendo numeri impressionanti circa 10 anni dopo. Questa loro diffusione è stata favorita dalla nascita di uno strumento come Internet.
Infatti, fino alla sua introduzione, l’unica possibilità per un virus di infettare un sistema informatico era quella di trasmettersi mediante lo scambio di floppy disk. La rete, pertanto, ha rappresentato un nuovo veicolo di diffusione e, al contempo, di generazione di virus.

La maggioranza degli utenti ha iniziato a scaricare software da Internet non controllando adeguatamente la fonte e, per tale motivo, finendo per installare sul proprio PC del materiale infetto. La diffusione degli antivirus è stato un primo tentativo di porre un freno al problema; si tratta di software che hanno la capacità di effettuare un’attenta analisi dei programmi per verificare l’assenza di elementi ritenuti pericolosi.
Il problema della maggior parte degli antivirus è il fatto di essere in grado di bloccare solamente quei virus creati (e quindi noti) prima della realizzazione dello stesso antivirus. Per tale motivo, si dimostrano strumenti efficaci solo se vengono aggiornati costantemente.
Considerando che, negli anni ‘2000, i nuovi virus introdotti mensilmente si aggirano sulle 150 unità, appare evidente come tuttora sussistano problemi a garantire una totale sicurezza informatica.

Nel corso degli anni si è presentato anche un altro fenomeno in grado di scatenare il panico in chi utilizza quotidianamente dispositivi capaci di navigare in rete. Si tratta degli “hoaxes”. Il loro obiettivo è proprio quello di “spaventare” chi utilizza internet, obbligandolo a verificare l’effettiva pericolosità degli hoaxes. Molte volte questi ultimi portano ad un intasamento della rete dettato unicamente dai messaggi che le persone inviano ad amici e a conoscenti per sapere come comportarsi.

Negli anni ’90 (sembra che la prima segnalazione in merito sia datata 1996) è nato il phishing, ossia una truffa perpetrata su Internet attraverso la posta elettronica. Grazie all’invio di email a potenziali vittime, queste ultime vengono convinte a rilasciare dati personali o determinati codici di accesso (relativi, ad esempio, a conti bancari o postali), permettendo al truffatore di compiere dei veri e propri furti di natura finanziaria.
La pericolosità del phishing è data dal fatto che i messaggi di posta elettronica, inviati agli ignari utenti, vengono preparati con estrema cura, tanto da riuscire ad imitare in maniera perfetta (sia per quanto riguarda l’aspetto che per il contenuto) quelli normalmente inviati dai reali fornitori di servizi. In diversi casi, visto il numero sempre maggiore di smartphone in circolazione, il phishing viene effettuato mediante l’impiego di SMS.

La nascita di fenomeni sempre nuovi ha portato all’istituzione della Polizia Postale (introdotta nel 1999), i cui interventi sono legati proprio ai reati di natura informatica.
Negli anni 2000 si è assistito anche alla diffusione di connessioni radio wireless e ad altre forme di “broadcasting” che hanno reso possibile a chiunque muoversi nella rete in ambienti ricchi di utenti da “attaccare”.

Le aziende sono state costrette a prevedere al loro interno figure esperte di sicurezza, a volte intere organizzazioni deputate alla gestione di situazioni particolarmente delicate, oppure a rivolgersi a società di assistenza informatica specializzate in sicurezza. Anche i provider si sono dimostrati più collaborativi nei confronti delle forze dell’ordine per favorire le indagini relative ai reati informatici.
Sempre più aziende hanno deciso di realizzare un sito internet per pubblicizzare i propri prodotti e servizi oltre che di aprire i sistemi di informazione ai partner e ai fornitori. Questo ha obbligato le aziende stesse a gestire con attenzione il controllo degli accessi alla rete aziendale.
Inoltre, la rapida diffusione del cosiddetto “nomadismo”, ossia la possibilità che viene lasciata a coloro che lavorano in un’azienda di connettersi al sistema interno da qualsiasi luogo, porta lo stesso sistema ad essere “trasportato” al di fuori dell’infrastruttura dell’azienda, dando luogo a nuovi problemi di sicurezza.

Come creare un volantino su Canva

Autore: La Stamperia Nuoro

Attraverso il sito Canva potrete creare gratuitamente i vostri volantini.
Le sole cose di cui avrete bisogno saranno un pc, la connessione a internet e, soprattutto, una buona dose di creatività. Per il resto, non dovrete preoccuparvi di nulla e vi basterà solo seguire le indicazioni presenti sulla piattaforma e , una volta completato il lavoro, potrete quindi passare il file al vostro tipografo di fiducia.

Utilizzando le varie opzioni disponibili all’interno di questo strumento di progettazione grafica gratuito e funzionale, potrete creare il vostro prodotto come più vi piace.
Per cui mettetevi comodi e iniziate a dedicarvi al vostro progetto.

Canva vi offre la possibilità di produrre ciò che vi serve in maniera molto semplice e veloce. Ciò rende il sito utilizzabile anche dai meno esperti.

Per prima cosa, non dovrete fare altro che partire dal modello base che il sito vi propone di scegliere tra le varie alternative. In questo step, potrete iniziare a realizzare il vostro lavoro, scegliendo tutti i requisiti necessari per garantirne la buona riuscita.

Avrete a disposizione una serie di sezioni dedicate all’inserimento di immagini, disegni e quant’altro vogliate per far prendere forma al vostro progetto.
Qualsiasi idea vogliate realizzare sui vostri volantini sappiate che con Canva sarà possibile. Partendo dalla tavola con l’intera gamma di colori e le varie sfumature con cui creare uno sfondo, alle immagini preimpostate di cui potrete usufruire, se siete a corto di idee. Inoltre, potrete utilizzare anche le vostre immagini presenti nel pc.

Così, attraverso pochi facili passi vedrete il progetto prendere forma, fino alla sua completa realizzazione.
Cercando tra le opzioni disponibili troverete anche la sezione per aggiungere un testo. I caratteri per aggiungere le scritte all’interno del volantino sono davvero tanti, così come lo sono i loghi e gli adesivi selezionati e resi disponibili dal sito.

Naturalmente, qualsiasi elemento deciderete di inserire nel vostro lavoro di grafica, anche se preimpostato, potrà comunque essere da voi modificato in maniere semplice e rapida.
Inoltre, esista anche la possibilità di lavorare su più livelli all’interno dello stesso progetto, quindi se la vostra idea di prodotto prevede più pagine potrete tranquillamente farlo.

Una volta che avrete terminato il volantino, secondo i vostri gusti o secondo le caratteristiche stabilite, sarà sufficiente salvare il file e trasformarlo nel formato che preferite per poi stamparlo.
Ma non è tutto, infatti, se ancora non avete terminato il vostro lavoro e vi ritrovate solo a metà dell’opera, potrete comunque salvare il progetto e riprenderlo in un secondo momento.

In questo modo, quando deciderete di completarlo o di modificarlo, vi basterà accedere al sito Canva, autenticandovi con l’inserimento del vostro username e della password e, in un attimo, nella pagina principale del sito vi appariranno tutti i vostri progetti salvati, sia quelli già terminati, sia quelli da finire.

Con questo fantastico strumento sarete in grado di elaborare in modo semplice un progetto grafico professionale, esattamente come quello che avrebbe creato un esperto per voi.
Invece, utilizzando il sito Canva.com vi ritroverete in pochi passi a realizzare con le vostre mani i volantini più adatti a ogni esigenza e a costo zero.

Il Sostegno a Distanza per Aiutare le Bambine Vittime di Violenza In Brasile

Il Brasile è un paese in cui il tasso di violenza e sfruttamento è molto alto, soprattutto quello minorile. Bambine e giovani donne sono costrette a sopportare fin da piccole le violenze degli adulti, le forti ripercussioni sulla loro psiche fanno sì che le ragazze diventino spesso introverse e molto diffidenti nei confronti del genere maschile, che purtroppo per loro, assume il simbolo di violenza e maltrattamento.

“Piccole farfalle” è il progetto specifico che si occupa di fornire in Brasile assistenza legale e socio-sanitaria a bambini e adolescenti di Manaus. Grazie a questo progetto i minori possono essere accompagnati nel percorso di ripresa della propria integrità fisico-mentale.

sostegno a distanza - progetto farfalle

Un capo progetto Aleimar (ONLUS che si occupa da oltre trent’anni di sostegno a minori in difficoltà), ci riporta una testimonianza dopo essere stato in un centro per il sostegno psicologico a nord di Manaus: “Molte delle giovani donne del centro si nascondevano e distoglievano il loro sguardo appena mi vedevano. La violenza che hanno subito le induce ad avere un rifiuto completo verso gli uomini. Le sofferenze fisiche e le umiliazioni psicologiche a cui sono state sottoposte le hanno segnate profondamente e cambieranno per sempre la loro vita. Ci sono voluti molti giorni affinché si fidassero di me, un uomo, che si impegna per sostenerle nel loro cammino di recupero. Un recupero non facile, che prevede l’impegno di medici, psicologi, assistenti legali e della famiglia stessa, che gioca un ruolo fondamentale nella ripresa di fiducia delle bambine.”

Le storie di queste ragazze sono numerose e con risvolti psicologici molto pesanti, Aleimar si pone come obiettivo proprio il sostegno a questi minori in difficoltà. La nostra ONLUS, inoltre, promuove progetti di Sostegno a Distanza (SAD Aleimar), il cui scopo è sostenere i bambini e le comunità più povere nel mondo senza distinzione di razza, religione e cultura.

È possibile supportare il progetto “Piccole farfalle” con donazioni ad Aleimar. Il vostro sostegno è necessario affinché queste bambine abbiano l’opportunità di recuperare la loro infanzia e i loro diritti di minori.

Approfondisci e leggi altre storie di bambini in difficoltà sul nostro sito alla sezione “Storie di SAD”. Sono storie di vita difficili, ma che incredibilmente riescono a trasmetterci la forza per provare a fare qualcosa, insieme.

Per avere maggior informazioni sui progetti svolti da Aleimar in Brasile e negli altri 10 paesi del mondo in cui operiamo, entra nel nostro sito aleimar.it e scopri tutti i modi per sostenerci.

Alla scoperta della Via Francigena

La Via Francigena è un cammino di 1800 km che attraversa l’Europa, percorso da migliaia di pellegrini dal Medioevo. Dalla terra dei Franchi, da cui deriva il nome, si mettevano in viaggio, attraversando difficoltà e pericoli, in un atto di penitenza, per giungere a Roma.
Il tragitto originario inizia nella maestosa cattedrale di Canterbury, nel sud dell’Inghilterra, attraversa la Francia, poi la Svizzera e arriva in Italia, fino a Roma, la città eterna, dove i pellegrini arrivavano per pregare sulla tomba dell’Apostolo Pietro. Il cammino prosegue poi verso la Terra Santa.

La Via Francigena, che in passato è stata un canale importante per la realizzazione dell’unità culturale dell’Europa medievale, oggi, oltre a rappresentare un cammino storico, è diventata un itinerario culturale. Nata come cammino religioso, è diventata un’esperienza laica, un viaggio sia dentro dentro se stessi ma anche fuori, nel mondo. Un’esperienza alla ricerca di una propria spiritualità, non necessariamente legata a nessuna religione, un cammino fisico ma anche un cammino interiore. Ascoltarsi, riconciliarsi con se stessi ma anche con il mondo esterno, con la natura e godere delle sue meraviglie nascoste.

francigena_mappa

Attraversare la Via Francigena permette di visitare nuovi territori, di conoscere la cultura, la gente e il folklore di luoghi che, non essendo mete turistiche tradizionali, difficilmente si vanno a visitare. A volerla vedere con gli occhi della contemporaneità, si tratta, senza dubbio, di un esempio di turismo sostenibile, che sostiene e valorizza i piccoli centri e i piccoli borghi e le loro tradizioni.
Lungo la via si procede adagio, con i tempi del cammino che sono tempi di riflessione, di contemplazione. Si conosce la fatica, lo sforzo fisico ma anche il valore del tempo da dedicare a se stessi, la gioia della scoperta di nuovi orizzonti, la conoscenza di altri viandanti. E’ un incontro tra uomini che provengono da diversi luoghi, uomini di diverse culture, che, però, vivono la stessa ricerca e sono desiderosi di condividere un cammino dove ogni tappa è un traguardo, una conquista.

via-francigena-cartello

In Italia, il tratto è lungo quasi 1000 km: si passano le Alpi, la Pianura Padana, si attraversa l’Appennino Tosco-Emiliano per poi giungere nel Lazio. Percorrendo la via, cambiano i paesaggi, i colori, i profumi, i suoni: è una continua scoperta, un continuo incanto.
Il percorso è facile da seguire: la segnaletica ufficiale è di colore bianco e rosso ed è posizionata in maniera visibile. Spesso al centro delle segnalazioni bianco-rosse si trova disegnata la sagoma di un pellegrino o la scritta “Via Francigena”, a volte indicata con le iniziali “V.F”.
Ogni pellegrino, all’inizio del suo percorso, deve ritirare le credenziali, una sorta di carta di identità che gli permetterà di identificarsi come persona che sta svolgendo un pellegrinaggio. All’interno delle credenziali, oltre alla parte dedicata ai propri dati personali, c’è uno spazio vuoto per i timbri che attesteranno il passaggio nelle varie località. Si tratta di una prova del cammino compiuto che, una volta tornati a casa, rappresenterà un bel ricordo.
Al pellegrino del terzo millennio si consiglia un abbigliamento comodo, delle scarpe da trekking che permettano di camminare con facilità. Considerando una media giornaliera di 20 km, si può percorrere l’intera via italiana in circa un mese e mezzo, ma ognuno è libero di percorrere anche solo alcune tappe.

Negli ultimi anni è diventato di tendenza percorrere la via in bicicletta. In questo caso, considerando una media di 60 km al giorno, ai pedalatori bastano 15 giorni per giungere a Roma.
Percorrere la Via Francigena a piedi o in bicicletta, qualsiasi sia la motivazione di partenza, è un bel viaggio, rigenerante, un’esperienza che arricchisce, sia dal punto di vista culturale che umano.

Rimedi contro il Caldo e l’Eccessiva Sudorazione

Con l’inizio della stagione più calda dell’anno, non può che esserci una forte ricerca di soluzioni per combattere il calore ed evitare anche l’eccessiva sudorazione. In molti pensano che l’aria condizionata sia il modo ideale per non soffrire il caldo e stare bene anche in estate. Ciò è vero fino ad un certo punto, in quanto pur offrendo un’aria gradevole all’interno di ambienti chiusi, ottimizzando la possibilità di lavorare in ufficio o altri spazi, è pur vero che il passaggio di temperatura quando si va all’esterno può risultare dannoso per l’organismo.

Perciò, è bene scegliere delle soluzioni diverse e che possano portare a dei benefici effettivi senza arrecare alcun danno all’organismo. Un’ottima idea per contrastare il caldo ed evitare una sudorazione eccessiva è quella di immergere, soprattutto a fine giornata o anche in un paio di momenti liberi del giorno, le braccia e le gambe in una bacinella con dell’acqua tiepida. Aggiungendo del sale grosso e olii essenziali è possibile creare un bagno piacevole, ideale per chi vuole rilassarsi e, nel contempo, resistere efficacemente al calore estivo.

caldo-estivo
Inoltre, è bene tenere sempre sotto controllo alimenti e liquidi che vengono introdotti nell’organismo durante il periodo estivo. Preferire sempre frutta e verdura e, in generale, un’alimentazione che non risulti pesante. Non bisogna mai alzarsi da tavola con una sensazione di pesantezza che potrebbe far patire di più il caldo presente nell’aria. Inoltre, bisogna preferire tutte quelle sostanze che favoriscano una corretta idratazione del corpo: infatti, uno dei problemi principali dell’estate è quello della perdita di liquidi continua. Senza dimenticare che proprio dall’alimentazione passa una delle principali soluzioni per contrastare gli effetti del caldo. Dunque, è necessario evitare o quanto meno ridurre il consumo di alimenti eccessivamente calorici e che presentano quantità di grassi che possano risultare pesanti per il corpo. Un metabolismo lento di questi alimenti potrebbe far aumentare la sudorazione e creare non pochi problemi durante il periodo estivo.
Spesso in estate è problematico anche dormire in quanto nella stagione calda è frequente che si possano raggiungere temperature elevate anche nelle ore notturne. Per riposare bene e dormire per un tempo idoneo affinché ci si possa rilassare e caricare, si può fare una doccia con acqua tiepida prima di andare a letto. Questa doccia sarà l’ideale soprattutto nelle sere dove l’aria è particolarmente calda in quanto stimolerà una corretta termoregolazione del corpo. Inoltre, bisogna sempre evitare cibi pesanti e in quantità eccessive prima di andare a dormire, prediligendo frutta, verdura e cibi leggeri.

Per non soffrire il caldo in casa e non sudare eccessivamente anche quando si dorme è bene anche creare un’opportuna ventilazione in casa. Questo farà sì che la temperatura interna sia gradevole e permetta di riposarsi tranquillamente, senza doversi spogliare o continuamente alzare per bere e recuperare i liquidi persi col sudore. Indubbiamente esistono anche delle soluzioni commerciali che permettono di contrastare stanchezza e spossatezza e la sudorazione in estate.
Una delle migliori possibilità è quella di puntare sugli integratori, delle sostanze in vendita in farmacia e che hanno effetti benevoli sull’organismo umano. Quelli più utili durante il periodo estivo per contrastare un’eccessiva sudorazione sono quelli con potassio e magnesio. Si tratta di due sali minerali di fondamentale importanza per le cellule dell’organismo e che con la sudorazione vengono persi: motivo per cui bisogna sempre far sì che ve ne siano le giuste quantità in circolo.

Ottimi sono questi integratori anche per evitare la stanchezza che quando fa caldo diventa frequente e ci si potrà godere in libertà e relax una vacanza o le proprie giornate. Il magnesio, in particolare, è molto utile per avere una corretta funzione muscolare: i muscoli, infatti, potranno essere mantenuti costantemente in attività senza sovraccaricarli e determinare sensi di stanchezza. Il potassio è di grande aiuto per il sistema nervoso, utile quindi per la concentrazione e per le attività cerebrali. In commercio esistono numerose varianti di integratori idrosalini che possono essere di grande aiuto nel periodo estivo: non solo magnesio e potassio, ma anche altre combinazioni di minerali possono essere un’ottima soluzione contro il caldo e la sudorazione eccessiva.

Giornalista prende a Mazzate il Ponte di Vetro in Cina per provare la Sicurezza

Il ponte Zhangjiajie, il ponte di vetro più alto e più lungo del mondo, è pronto per aprire in Hunan, Cina, il mese prossimo e i suoi operatori voglio assicurare che sia sicuro.
Questo a seguito di incidenti come quello accaduto al ponte di vetro Yuntaishan, nella provincia di Henan della Cina centrale, che si è rotto lo scorso settembre.

Per placare le paure, i costruttori dello Zhangjiajie hanno invitato il reporter della BBC Dan Simmons per effettuare un test di sicurezza.

Il test ha visto Simmons in piedi su di un pannello di vetro elevato – uguale a quelli che compongono il ponte – che è stato colpito ripetutamente con una mazza.

Alla prima mazzata di Simmons, lo strato superiore del pannello mostra crepe visibili. Il reporter è stato poi invitato a dare un paio di altri colpi al pannello di vetro. Nonostante le crepe, il pannello di vetro è rimasto intatto.

Ecco il video della prova.

Vacanze a Cefalonia

Cefalonia, oltre ad essere la più grande delle Isole Ionie con i suoi 781,5 chilometri quadrati, è famosa anche per essere un autentico paradiso naturale. L’isola, infatti, vanta un magnifico panorama immerso nella natura incontaminata e circondato da un mare di un blu profondo: questi elementi, insieme ai suoi piccoli villaggi, alle sue antiche ville e alle grotte, ne fanno un luogo in grado di riportare indietro nel tempo, quando Madre Natura regnava ancora sovrana. Cefalonia, però, non è solo natura incontaminata: l’isola, nota per i numerosi contrasti di colori e di tradizioni, offre anche luoghi perfetti per trascorrere una vacanza all’insegna delle spiagge attrezzate e del divertimento notturno. L’isola, in poche parole, è la meta perfetta per una vacanza da sogno.

villa-cefalonia

Cefalonia offre tantissime opportunità di alloggio a costi davvero contenuti: meravigliose sono, soprattutto, le sue caratteristiche villette di campagna. Se il desiderio è quello di vivere la propria vacanza comodamente, il consiglio è quello di prenotare un soggiorno in una delle sue ville con piscina. L’isola offre una scelta infinita di ville dotate di piscina, dalle classiche alle più moderne e bizzarre. Nonostante alcune ville siano collocate in campagna, muoversi non sarà un problema: Cefalonia offre un servizio di bus e navette notturne davvero efficiente.

Una delle prime cose da fare, se si è amanti dei luoghi magici, è visitare uno dei suoi magnifici tunnel sotterranei, dove l’acqua del mare si incanala creando degli scorci resi impareggiabili dal riflesso del sole. Cefalonia offre grotte meravigliose come la Grotta di Melissani e Antica Sami, famose per il lago sotterraneo che le collega, e la grotta di Drogarati: perfette per chiunque ami l’avventura e la speleologia. Per chi invece preferisce le classiche spiagge, l’isola è in grado di garantire pomeriggi favolosi sulle sue numerose distese di sabbia bianca come Myrtos Beach, Antisamos Beach, Assos e Makris Gialos. L’isola offre anche alcuni luoghi ed attrazioni molto particolari, come ad esempio i famosi mulini ad acqua di mare poco fuori Argostoli e la bellissima tartaruga Caretta Caretta, una rara specie in via d’estinzione che è possibile ammirare tutte le mattine al molo di Argostoli.

Cefalonia è ricca di ristoranti tradizionali in grado di offrire una cena dal sapore squisitamente mediterraneo: le sue città presentano tante ‘taberne’ sul mare, molto affollate dai turisti, ed altri ristorantini più intimi e caratteristici. Uno dei posti migliori è senza dubbio lo Steak House Elios, verso Skala, specializzato in grigliate di carne, pollo e tipiche insalate greche con un delicatissimo tzatziki, a costi davvero bassi. Se il desiderio è quello di provare il pesce di Cefalonia, allora il consiglio è di andare a cenare da Captain Jerry a Katelios: il pesce (freschissimo) e la famosa aragosta di Katelios vengono serviti direttamente sui tavolini in spiaggia.

Se invece il desiderio è quello di visitare le sue cittadine più ricche di movimento, il consiglio è di rivolgere immediatamente le proprie attenzioni verso Argostoli, la capitale di Cefalonia: si tratta del centro dell’isola, dove si concentra la movida e dove è possibile fare numerose sessioni di shopping fra le bancarelle e le boutique di lusso che animano le sue stradine. Di sera, questa città si trasforma nel paradiso della vita notturna, con i suoi numerosi pub e bar, come l’Acquarius o il Pub Old House, dove è possibile fare un aperitivo e ballare tutta la notte: per questo motivo è fortemente sconsigliato alloggiare ad Argostoli, sia per i prezzi, sia per l’animazione notturna che rende quasi impossibile dormire. In questo senso, anche la cittadina di Fiskardo si fa notare per un movimento turistico di gran lusso: sono molti, infatti, i milionari ed i VIP che attraccano presso il porto i loro pregiatissimi yacht. Fiskardo, inoltre, è una delle città di Cefalonia più ricche di italiani.

7 Idee Creative per “Aggiustare” lo Schermo Rotto del tuo Smartphone

Gli smartphone potrebbero aver rivoluzionato il mondo, ma non sono senza difetti. Proprio come gli esseri umani che sono portati fino alle lacrime con un calcio negli stinchi, anche gli smartphone hanno i loro punti deboli, primo fra tutti il loro schermo.

Chiunque abbia mai fatto cadere il proprio telefono cellulare (o si sia seduto sopra, o lo abbia lasciato per giocare al proprio bambino) saprà quanto fragili i display possano essere, e niente rende una giornata peggiore che vedere lo schermo ridotto ad un brutto mosaico di crepe.

Come potete vedere da questa lista, ci sono però dei metodi creativi per “aggiustare” gli schermi in frantumi.

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-01

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-02

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-03

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-04

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-05

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-06

schermo-smartphone-rotto-soluzioni-07